I tremila docenti senza “quota 96”

La riforma ha tolto loro l’uscita a settembre e la somma di età e contributi. “Faremo ricorso collettivo a Tar e giudice del lavoro”.

Lungo il corteo si intrecciano storie di lavoratori lontani e diversi che hanno la stessa identica morale: il miraggio della pensione. Nessuno vuole sentirsi dare dell’esodato – “parola orribile” – ancor di più se si tratta di insegnanti che la parola la usano per mestiere. “Ci siamo sentiti beffati”, raccontano in coro, senza voler entrare nelle storie personali: “Siamo un gruppo e come gruppo vogliamo comparire”. Si tratta del comitato “Quota 96”, striscione verde su fondo bianco. Il nome si riferisce, come spiega il sottotitolo della scritta, ai “requisiti pensionistici al 31 agosto 2011”, quando appunto valeva il requisito della somma dell’età anagrafica e degli anni di contributi.

Continua a leggere

WordPress theme: Kippis 1.15