La notte di Natale un asteroide sfiorerà la Terra.

asteroideAltro che stella cometa. La notte di Natale passerà vicinissimo alla Terra un asteroide gigante. Dopo i primi allarmismi che già hanno cominciato a correre sul web di un possibile pericolo per il Pianeta, è arrivata la smentita dagli esperti: il corpo roccioso 2003 SD220, scoperto nel 2003, arriverà sì ad una distanza ravvicinata, ma in completa sicurezza. L’evento è previsto per la notte del 24 dicembre, come comunicato dalla Nasa attraverso il suo programma “NHATS”, che si occupa di tenere sotto controllo i corpi celesti per eventuali future missioni.
Secondo i dati preliminari di alcuni astronomi, il diametro dell’asteroide dovrebbe essere di circa 1,3 chilometri. Quella della vigilia di Natale sarà la prima di cinque apparizioni di cui sarà protagonista nei prossimi 12 anni il corpo celeste, e sempre più vicino alla Terra. Per il momento, transiterà alla distanza di 11 milioni di chilometri dal pianeta, pari a 28 volte la nostra distanza dalla Luna, per cui potrà essere documentato solo da astronomi e astrofili esperti muniti di telescopio.
Alcune immagini del suo aspetto, però, sono già state realizzate grazie ai radiotelescopi dell’Arecibo Observatory di Puerto Rico, che le ha poi anche postate sul proprio profilo Twitter.
Nei giorni scorsi sul web erano stati lanciati alcuni allarmi circa l’ipotesi di terremoti ed esplosioni vulcaniche innescate da questo evento. In realtà, anche se il sasso spaziale dovesse effettivamente sfiorarci, non si verificherebbe alcun sisma, se non in seguito ad una collisione, ma non è di certo questo il caso. Il prossimo avvistamento è previsto per il 2018 a circa 3 chilometri di distanza e, per almeno i prossimi 200 anni, rassicurano dalla Nasa, l’asteroide non costituirà alcun pericolo per gli abitanti della Terra.

Natale regala la Luna piena: non succedeva dal 1977

Il cielo di Natale regalerà una bellissima luna piena: non accadeva da 38 anni, esattamente dal giorno di Natale 1977, e la prossima occasione ci sarà soltanto fra 19 anni. “È un appuntamento suggestivo e una coincidenza curiosa, che dal punto di vista scientifico non riveste un’importanza particolare”, osserva l’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope. Sicuramente non è un evento frequente, prosegue Masi, considerando che dal 1900 al 2099 i giorni di Natale con la luna piena sono appena otto. Un ‘assaggiò di luna piena ci sarà già a partire dalla sera della vigilia di Natale, mentre il culmine del fenomeno è previsto per le 12,15. In pieno giorno, quindi, anche se le giornate in questo periodo dell’anno sono così brevi che “il giorno di Natale vedremo comunque sorgere la luna piena a distanza di poche ore dal culmine”, osserva l’astrofisico.
lunapiena“Lo spettacolo – aggiunge – è assicurato in pieno giorno durante il Natale”. Non sarà l’unica sorpresa della Luna a ridosso del Natale: nella notte del 23 dicembre la Luna giocherà ancora una volta a nascondino con la stella Aldebaran, come aveva fatto a fine ottobre. “La occulterà per la seconda volta, offredo uno spettacolo suggestivo”, rileva Masi. Unica nota negativa: con la sua luce brillante la luna piena ruberà la scena alla cometa di Natale, Catalina: chi avrebbe voluto osservarla nella notte della Natività dovrà cambiare programma e aspettare qualche giorno.

Arriva la cometa di Natale: tutti a naso in su per “Ison”

cometa-isonLa tradizione cattolica vuole che a guidare i re Magi verso la grotta di Betlemme in cui era nato Gesù fu proprio una “stella cometa” e il Natale del 2013 la sua cometa ce l’avrà davvero. Si tratta di Ison, la cui presenza nel nostro sistema solare è stato annunciata (forse con un trionfalismo un po’ eccessivo) l’evento astronomico del secolo. Ison ha già cominciato a dare spettacolo nei cieli terrestri con la sua coda da 2 milioni di Km e qualche appassionato è riuscito a fotografarla, postando su Twitter gli scatti della “cometa di Natale”, la prima visibile a occhio nudo dall’emisfero boreale dal 1997, anno del passaggio di Hale-Bopp.

Continua a leggere

WordPress theme: Kippis 1.15