Natale regala la Luna piena: non succedeva dal 1977

Il cielo di Natale regalerà una bellissima luna piena: non accadeva da 38 anni, esattamente dal giorno di Natale 1977, e la prossima occasione ci sarà soltanto fra 19 anni. “È un appuntamento suggestivo e una coincidenza curiosa, che dal punto di vista scientifico non riveste un’importanza particolare”, osserva l’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope. Sicuramente non è un evento frequente, prosegue Masi, considerando che dal 1900 al 2099 i giorni di Natale con la luna piena sono appena otto. Un ‘assaggiò di luna piena ci sarà già a partire dalla sera della vigilia di Natale, mentre il culmine del fenomeno è previsto per le 12,15. In pieno giorno, quindi, anche se le giornate in questo periodo dell’anno sono così brevi che “il giorno di Natale vedremo comunque sorgere la luna piena a distanza di poche ore dal culmine”, osserva l’astrofisico.
lunapiena“Lo spettacolo – aggiunge – è assicurato in pieno giorno durante il Natale”. Non sarà l’unica sorpresa della Luna a ridosso del Natale: nella notte del 23 dicembre la Luna giocherà ancora una volta a nascondino con la stella Aldebaran, come aveva fatto a fine ottobre. “La occulterà per la seconda volta, offredo uno spettacolo suggestivo”, rileva Masi. Unica nota negativa: con la sua luce brillante la luna piena ruberà la scena alla cometa di Natale, Catalina: chi avrebbe voluto osservarla nella notte della Natività dovrà cambiare programma e aspettare qualche giorno.

Arriva la superluna. È la luna piena più luminosa dell’anno

Una superluna, la più grande e luminosa luna piena dell’anno, sarà la protagonista indiscussa della notte tra sabato 5 e domenica 6 maggio. Confidando in un cielo sgombro da nuvole, nel fine settimana sarà possibile assistere all’effetto straordinario prodotto dalla particolare combinazione orbitale che porterà il nostro satellite ad apparire il 14% più grande e il 30% più luminoso della normale luna piena.
La Super Luna, un termine coniato nel 1979, è la coincidenza della luna piena con il momento di massimo avvicinamento del satellite alla Terra: una combinazione che la rende apparentemente più luminosa e grande, ed i cui effetti si fanno sentire anche con un leggero innalzamento delle maree.
L’orbita della Luna attorno al nostro pianeta non è infatti un cerchio, ma una curva leggermente ovale, ellittica: la distanza Terra-Luna può infatti variare tra 400 e 360.000 chilometri.
In questo fine settimana il satellite sarà quasi al culmine del suo ciclico avvicinamento al pianeta e contemporaneamente sarà in piena illuminazione, una combinazione che si ripete circa una volta l’anno. L’ultima volta è accaduto nel marzo 2011.
L’apparente aumento di grandezza del satellite non però dato dalla diminuzione della distanza (in questo caso gli effetti sono praticamente invisibili), ma dalla sua forte luminosità.
In ogni caso il miglior momento per l’osservazione è quello in cui la Luna si trova bassa sull’orizzonte; quando infatti il suo disco appare vicino a costruzioni o alberi, viene percepito come incredibilmente grande. Un’illusione, questa, che sarà amplificata ulteriormente nella notte di sabato 5 maggio.
L’appuntamento astronomico è’ dunque fissato nella notte tra sabato e domenica, ma lo spettacolo potrebbe essere rovinato a causa del maltempo in arrivo proprio in questo fine settimana, in particolare al Nord.

https://www.saroalioto.info/?p=564

WordPress theme: Kippis 1.15