DNS Changer, dal 9 luglio il virus che “spegne” Internet

Oggi, lunedì 9 luglio diremo addio al virus che ha fatto il giro del mondo. E con lui a 275 mila computer. DNS-Changer è un programma che modifica le impostazioni di rete dei pc o dei router collegati. Il virus cambia le impostazioni dei Dns (Domain name server), i server dei nomi di dominio che consentono la corretta navigazione trasformando i nomi dei siti web in indirizzi Ip. In questo modo, ogni volta che si digita il nome di un sito Internet il virus Dns Changer trasforma quel nome rimandando a pagine di un sito web manipolato. Il problema è che l’utente non se ne rende conto perché visualizza una pagina uguale, nell’aspetto, a quella originale. Eppure in questo modo, attraverso il canale della pubblicità, gli autori del virus hanno raccolto circa 14 milioni di dollari.

Nel novembre 2011, l’Fbi ha arrestato gli autori del Dns-Changer: sei ragazzi estoni, virtuosi dell’informatica. Ma i problemi hanno continuato sulla rete: tutti i computer infetti continuano a connettersi sul web attraverso un Dns corrotto. Per questo lunedì 9 luglio l’Fbi prenderà una decisione tanto risoluta quanto tragica: disattiverà tutti i computer infetti e questi non saranno più in grado di navigare. E’ l’unico modo per sterminare questo virus che altrimenti rischia di continuare a rigenerarsi. Secondo le stime dell’Fbi, oggi sono circa 275 mila i computer infetti in tutto il mondo.

Per evitare ogni dubbio clicca qui e verifica che il tuo computer non sia infetto. Nel caso in cui il test rilevasse che il tuo pc è stato attaccato dal Dns scarica questo tool per rimuoverlo.

https://www.saroalioto.info/?p=695

Truffa online: su internet e via mail virus finta pagina Polizia Postale

Un virus che blocca il computer e chiede dei soldi, almeno 100 euro, per farlo ritornare alla piena normalità. Si tratta dell’ennesima truffa online che rischia di colpire il numeroso popolo del web, una truffa ben congegnata poiché la schermata maledetta che occupa tutto lo schermo mostra al navigatore dei simboli solitamente sinonimo di sicurezza, quelli della Polizia Postale. “Un virus informatico subdolo e che sta creando molto allarmismo – fanno sapere dalla Polizia – Accade che quando un utente entra in internet, naviga o accede al pc, all’improvviso si apra una schermata, una finestra pop up, con un avviso a nome di un organo di Polizia, ultimamente la Postale, relativa a presunte attività illegali commesse dal proprietario del computer e la richiesta di un pagamento di una multa di 100 euro, da espletare per via elettronica per il ripristino dell’intero sistema operativo”. A quanto pare infatti la finestra blocca interamente il computer, non si riesce a fare più nulla. “La finta schermata della forza di Polizia dice all’utente che è entrato in pagine web contenenti pornografia non lecita e che ha svolto anche attività terroristica attraverso l’invio di mail: da qui la richiesta di una multa da pagare. Vogliamo tranquillizzare i cittadini del fatto che si tratta di un virus, la schermata è assolutamente falsa”.

Continua a leggere

WordPress theme: Kippis 1.15